Scelta del costume da gara!

scelta-costume-da-gara

scelta-del-costume-da-garaLa scelta del costume da gara è indispensbile per ottenere il massimo delle prestazioni?

Un’attenta valutazione nella scelta del costume da gara ci permette di trarne il massimo vantaggio, ma se sottovalutiamo questo aspetto i risultati possono essere deludenti!

I fattori fondamentali sono tanti per una buona scelta del costume da gara, ma la cosa più importante è trovare il giusto compromesso tra compressione e movimento, questa regola vale a prescindere dalle distanze in cui gareggiamo. Un costume con una eccessiva compressione andrà sicuramente a discapito del movimento, e viceversa un costume con poca compressione risulterà molto comodo in termini di movimento ma poco efficace in prestazioni.

Ma come capire allora quale sia la giusta scelta del costume da gara?

1) Fattore fisico innanzitutto

E’ scientificamente chiaro che un’atleta con corporatura muscolosa e massiccia sia più predisposto nella tenuta di un costume da gara con una compressione notevole: ad esempio il costume Arena Powerskin Carbon Pro si presta sicuramente per atleti dotati di grande potenza muscolare, un costume che garantisce una compressione del genere da un grande assetto in acqua ma l’atleta deve essere predisposto fisicamente per un costume del genere (gambata potente e grande progressione).

Viceversa per un atleta filiforme dove in cui nella maggior parte dei casi il punto di forza è la fase di scivolamento, dovuto ad una buona tecnica di nuotata, è consigliabile un costume da gara più elastico che garantisce l’esaltazione delle caratteristiche tecniche di questa tipologia di atleti. In caso contrario il costume potrebbe essere una zavorra e penalizzare l’atleta.

2) Distanza percorse

Un altro aspetto fondamentale sono le distanze percorse: giustamente gli sprinter aggressivi  prediligono costumi performanti con una elevata percentuale di compressione, perchè mettono in bilancio il beneficio della compressione nelle brevi distanze, anche se a volte va a discapito del movimento, ma parliamo di atleti predisposti a questo genere di sacrificio: la predisposizione deve essere fisica con una consapevolezza mentale del costume che si sta usando!

Per le medie e lunghe distanze se facciamo il rapporto inverso: un costume con la giusta compressione che esalta il movimento nel 90% dei casi è la scelta giusta.

Collegandomi a questo aspetto per gli atleti giovanissimi che devono scegliere il primo costume da gara, è consigliabile un costume che faciliti il movimento, questo per due aspetti:

1) Passaggio graduale: scegliere un costume da gara troppo impegnativo – mentalmente –  può essere penalizzante per un atleta giovane, anche come predisposizione mentale un approccio soft al costume da gara è fondamentale; parliamo di atleti che hanno 13 anni, fossilizzarsi che tutto dipenda dal costume da gara è un approccio sbagliato.

2) Gli atleti giovani hanno nella maggior parte dei casi una muscolatura ancora esile, e vale il discorso di prima sui costumi da Gara.

Un errore fondamentale è scegliere il costume da gara basandoci sul gradimento dei colori e del modello: sicuramente scegliere un costume da gara che ci aggrada esteticamente ci può dare una notevole carica iniziale, ma i fattori importanti sono certamente altri!

Non perdere il prossimo video su come indossare i costumi da gara!

Grazie dell’attenzione!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *